Storia di un Teatro…a Lamezia Terme.

190567_440198939403787_1363591427_n

Una nota che Dario Natale scriveva qualche anno fa per raccontare quanto accadeva al Teatro Umberto durante la sua gestione. Perché Nuovo Teatro Umberto? Lo scoprirete leggendo…

NUOVO TEATRO UMBERTO: IL SENSO DI UNA RESTITUZIONE

Oggi un’altra nota, una favoletta, di Dario Natale a seguito della vincita del bando di gestione comunale dei teatri da parte di altri esponenti.

C’era una volta un Bene Comune, un Teatro storico, una piccola bomboniera abbandonata a se stessa e continuamente dissacrata, le chiavi volteggiavano da un’edicola a l’altra e tutti si sentivano liberi di maltrattarla perchè ignoranti e perchè troppo piccola per fini propagandistici, poi arrivarono alcune persone che cercarono di di “aiutarla” a riprendersi, investendoci tempo, denaro e sopratutto molto amore e rispetto, forti di questa responsabilità hanno aiutato il territorio a riprendere coscienza di questo luogo sopportando tutte le inesattezze e tutte le facilonerie pressapochistiche di Assessorati ed uffici ignoranti, rifecero l’ingresso con doni artistici e manuali, rifecero il graticcio, rifecero i camerini, rifecero il corridoio, lo arredarono, ospitarono tutto e tutti con sorriso e competenza e nello stesso tempo crearono un centro di aggregazione giovanile, abitando il Teatro e ridandogli dignità, sempre questi abitatori trovarono anche la forza per creare azioni artistiche di tale potenza da riscuotere consensi nazionali, invitati anche a New York, con grande ritorno di immagine per tutta la città, ma le fate ignoranti ed il gran ciambellano erano in agguato, ed in accordo con l’orco, quello stesso che aveva ucciso il cinema in città, decisero che non poteva andare bene che la situazione stava sfuggendo di controllo, troppo movimento giovanile indigesto, troppe azioni incomprensibili ai loro occhi e decisero che l’orco doveva trionfare e riprendersi tutto e così ciambellani, fate ignoranti, orchi e mercenari vissero felici e contenti…ed il Re? E’ rimasto a guardare, felice anche lui , come i Re precedenti, paghi del nulla e pronto a promettere la prossima luna….una volta Mimmo Cuticchio mi rivelò un detto palermitano che diceva “i pisci di lu mari su destinati a ccu l’avi mangiari..” aveva ragione!

 

 

Annunci

2 Comments

  1. Dario mi dispiace immensamente che tu abbia perso la tua casa!… TI sostengo e cmbatteremo per una nuova casa ! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...